Tu sei qui

Città Libere dai Pesticidi

L'Associazione Borghi Autentici d'Italia ha avviato una collaborazione con la Rete Europea delle Città Libere dai Pesticidi promossa da PAN Europe - Pesticide Action Network con un protocollo che impegna i Comuni aderenti all'iniziativa ad una visione "libera dai pesticidi".

L’Associazione Borghi Autentici d’Italia ha avviato una collaborazione con la Rete Europea delle Città Libere dai Pesticidi promossa da PAN Europe - Pesticide Action Network, ONG con sede a Bruxelles, nata nel 1987 con l'obiettivo di limitare l'uso di pesticidi chimici, utilizzando alternative sostenibili, così da ridurre i danni alla salute pubblica e all’ambiente.

Secondo la Rete Europea Città Libere dai Pesticidi, un numero crescente di prove scientifiche dimostra gli effetti nocivi dei pesticidi sulla salute umana e sulla biodiversità, specialmente sui bambini piccoli e sui nascituri, mentre è noto che molti pesticidi sono legati al rischio di causare il cancro, modificare il DNA o danneggiare il sistema riproduttivo. Bandire i pesticidi non solo aiuta a proteggere le persone e l'ambiente delle città, ma è anche un passaggio fondamentale nella transizione verso una città veramente verde. 

Valorizzando i focus strategici contenuti nel Manifesto dei Borghi Autentici d'Italia, l'Asssociazione propone ai propri associati di unirsi ai Sindaci e ai rappresentanti delle città europee impegnate a diventare “free pesticides” al fine di assicurare ai cittadini un ambiente più verde e sano. L’obiettivo della Rete Europea è infatti quello di riunire e dare visibilità ad una massa critica di città impegnate ad eliminare l’uso di antiparassitari in una piattaforma dove condividere pratiche ed esperienze. Il progetto è stato lanciato anche in Italia con interesse e adesione crescente. 

Si tratta di un’iniziativa coerente alla filosofia di Borghi Autentici che va nella direzione di una sempre maggiore attenzione al benessere e alla salute dei cittadini, quelli residenti e quelli temporanei. Per questo motivo, accettando l'invito di PAN Europe, Borghi Autentici d'Italia propone ai propri associati un protocollo finalizzato a condividere ed attirare gli obiettivi di “Città Libere dai Pesticidi”. 

Hanno sinora deliberato la loro adesione aderendo al protocollo i Comuni di

  1. Acquaviva delle Fonti - BA
  2. Aggius - SS
  3. Aradeo - LE
  4. Biccari - FG
  5. Cassano delle Murge - BA
  6. Copertino - LE
  7. Fallo - CH
  8. Galatone - LE
  9. Matino - LE
  10. Melpignano - LE
  11. Miglierina - CZ
  12. Montesegale - PV
  13. Roseto Capo Spulico - CS
  14. Salve - LE
  15. Sorradile - OR
  16. Forni di Sotto - UD
  17. Montesano Salentino - LE
  18. Nociglia - LE
  19. Lizzanello - LE
  20. San Cassiano - LE

LE ATTIVITA' DEI COMUNI ADERENTI AL PROTOCOLLO

Per la realizzazione di questi obiettivi,  i Comuni dell'Associazione Borghi Autentici d'Italia che aderiscono all’iniziativa rientrando nel protocollo, dovranno adottare un piano d’azione con obiettivi quantitativi, calendari e misure per eliminare progressivamente tutti i pesticidi nelle aree pubbliche sotto il controllo del Comune, compresi piani per l'eliminazione progressiva dei pesticidi dalle aree private con accesso pubblico e dalle aree agricole in prossimità dei luoghi abitati.

L’attuazione di una visione “libera da pesticidi” avverrà anche sul piano della comunicazione. I Comuni BAI promuoveranno con una campagna di informazione la consapevolezza sui pericoli dei pesticidi ed incoraggeranno i cittadini a diventare parte attiva del progetto incentivando l’uso di alternative sostenibili negli orti e nei giardini privati. 

Sarà fondamentale comunicare con tutte le parti interessate, dai giardinieri comunali, agli agricoltori locali, l'impegno della città nella lotta ai pesticidi, assicurando il loro coinvolgimento nel progetto. Il Comune aderente all’iniziativa, scambierà buone pratiche ed esperienze con altre città europee attraverso la Rete Europea delle Città Libere dai Pesticidi, fornendo aggiornamenti regolari sullo stato di avanzamento delle attività intraprese, dei risultati e di eventuali insuccessi o difficoltà riscontrate. Il fine sarà quello di migliorare la biodiversità attraverso azioni in favore del verde urbano.

Nel 2009 gli Stati Membri dell’Unione Europea hanno approvato la Direttiva 2009/128/EC del 21 ottobre 2009 sull’Utilizzo Sostenibile dei Pesticidi (SUDP) e da allora stanno aumentando le città che hanno proibito i pesticidi nelle zone urbane. Molto prima della direttiva, varie città, regioni e paesi avevano già deciso di proibire queste sostanze.


Il 27 settembre a Bruxelles tavola rotonda al Parlamento Europeo di Bruxelles tra i Sindaci che hanno aderito alla Rete delle Città Libere dai Pesticidi e i rappresentanti delle Istituzioni Europee (eurodeputati, rappresentanti del Comitato delle Regioni, etc.).