Tu sei qui

Il borgo di San Pietro Avellana, al confine tra Abruzzo e Molise, è adagiato sulle falde nord-occidentali del monte Miglio a 960 metri sul livello del mare.

San Pietro Avellana fa parte del Consorzio Asso-Mab Alto Molise.

 

Il Borgo di San Pietro Avellana

San Pietro Avellana è immerso nella natura incontaminata circondata dal torrente Rio, affluente del fiume Sangro, e dal fiume Vandra, affluente del fiume Volturno. Boschi di faggi e cerri, habitat naturale per il tartufo nero e bianco, e i ruderi di un monastero medievale in cui era conservato il Chronicon Volturnense, fanno da cornice a questo splendido borgo.

La Storia

Il borgo di San Pietro Avellana nacque nel X secolo attorno all'abbazia benedettina, edificata dall'Abate Domenico di Sora, dove si trasferirono gli abitanti dei casali vicini in seguito alla distruzione, delle loro proprietà.

Il nome "Avellana" parrebbe derivare da "Volana", città sannitica distrutta durante la terza guerra sannitica nel 293 a.C. dal console romano Spurio Carvilio.

Da vedere

Il borgo di San Pietro Avellana, situato sulla Linea Gustav, venne minato dai tedeschi durante la loro ritirata nell’autunno del 1943. Degna di nota è la chiesa parrocchiale dei S.S. Apostoli Pietro e Paolo con annessa cripta, dove si conserva il corpo di Sant'Amico.

Addentrandosi lungo il sentiero che porta all’Eremo di  Sant’Amico, immerso in un rigoglioso bosco di faggi, si può respirare un’atmosfera mistica, connubio tra fede e contemplazione della natura.

Da visitare sono le Sorgenti di Pesco Bertino, quelle di Capo di Vandra, quelle della Fonte Calante, l’area sic “Fonte della Luna” e le “Mura ciclopiche”.

Sulla vetta di Monte Miglio è possibile ammirare tratti di mura poligonali di epoca sannitica, raggiungibili attraverso percorsi segnalati. Inoltre è da ammirare la Fontana Grande (XVIII secolo) e assolutamente da visitare il Museo delle civiltà e tradizioni.

Per gli astrofili e gli inguaribili romantici è possibile scoprire il fascino e i segreti delle stelle presso l’osservatorio astronomico Leopoldo Del Re”.

Da gustare

La cucina locale di San Pietro Avellana è legata alla tradizione e alla genuinità dei prodotti del territorio. Mani esperte e laboriose, la cura dei particolari, la ricerca dei sapori hanno tramandato fino ad oggi primi piatti come i cazzarielli e fagioli (gnocchetti acqua e farina) e le fettuccine al tartufo. Numerosi i dolci tra cui i mostaccioli, il piccillato di Pasqua,il fritto r turcniegl e la cicerchiata, dolce fatto di palline di pasta sfoglia fritte e legate col miele che hanno la forma dei semi di cicerchia.

Cosa fare

Il borgo di San Pietro Avellana fa parte dell’Associazione Nazionale Città del Tartufo: in occasione della Fiera del Tartufo Nero di San Pietro Avellana, la seconda domenica di Agosto, vengono allestiti stand per la distribuzione e la degustazione del prezioso tubero. L’evento è allietato da spettacoli musicali e dalla caratteristica gara cinotartuficola. L’appuntamento si ripete il 1 Novembre in occasione della Mostra Mercato del Tartufo Bianco.

Il 3 novembre e il 16 agosto si festeggia Sant’Amico, patrono di San Pietro. Durante l’evento estivo la statua del santo, con i suoi ori, viene accompagnata in processione attraverso le vie del paese.  

Per gli amanti dello sport, durante il mese di luglio, è possibile partecipare alla gara podistica Trofeo “Re Fajone”: in un territorio straordinariamente bello e ben tutelato, compreso fra la Riserva MAB di Montedimezzo e l’Azienda Sperimentale “La Torre di Feudozzo”, viene disputata una gara podistica mista tra strada e sterrato  a stretto contatto con la natura incontaminata.

Durante tutto l’anno si possono effettuare escursioni naturalistiche, a piedi e in bicicletta, su percorsi segnalati, o in canoa sul fiume Sangro o effettuare arrampicata libera nella falesia di pesco Bertino.

Il mese di Agosto è contraddistinto da numerose iniziative di carattere ricreativo e culturale organizzate dalla ProLoco: corsi di fotografia, corsi di pittura, corsi di inglese, spettacoli, animazione per bambini, visione di film e documentari storici, presentazioni di libri.

Nel centro polifunzionale, è attiva la sala C.A.P.S.D.A. (Centro di Accesso Pubblico ai Servizi Digitali Avanzati) e un internet point al servizio dei cittadini e dei visitatori.

LINK UTILI

http://www.sanpietroturismo.it/