Tu sei qui

Il borgo di Rignano Garganico, sorge su un colle a quasi 600 metri sul livello del mare, dal quale lo sguardo domina la piana della Terra di Capitanata, protendendosi sul Tavoliere.

Il Borgo di Rignano Garganico

La posizione dominante di Rignano Garganico, gli ha conferito l’appellativo di “balcone della Puglia” e ha fatto sì che diventasse nel tempo meta degli amanti del deltaplano, che lo scelgono come base di lancio per i loro voli.

La Storia

Rignano Garganico è un borgo dalle origini antichissime le cui tracce appaiono per la prima volta nel 1158, in un documento che ne testimonia l’annessione all’Abbazia di Montesacro. Risalire esattamente alle sue origini è però molto difficile, nonostante i numerosi resti archeologici che sono stati rinvenuti nei dintorni del borgo, in particolare nella Grotta Paglicci, il sito più importante e dal grande valore storico e culturale.

Nelle vicinanze della Grotta Paglicci è stato inoltre rinvenuto un dolmen, struttura megalitica unica nel suo genere nella zona di Capitanata.

Per quanto riguarda invece le origini del nome del borgo, sembra che esso derivi dal latino “Herennius”, toponimo che indicava una persona, solitamente appartenente al gruppo dei veterani, che aveva ricevuto in dono dall’imperatore un possedimento: il luogo in questione prendeva il nome di “Herinnianu(m)”.

Rignano Garganico Veduta Aerea

 

Da vedere

Da non perdere, quando si visita il borgo, un giro nel suo centro storico, in particolare al Palazzo Baronale.

Simbolo delle antiche origini del borgo di Rignano, nel sito archeologico Grotta Paglicci sono stati rinvenuti oltre 40.000 reperti, tra cui scheletri umani interi e parziali, oggetti d’arte e dipinti parietali

Altri reperti significativi sono stati ritrovati nella Grotta Spagnoli: risalgono al periodo del Paleolitico Medio e hanno una datazione che va dagli 80mila ai 40mila anni fa. Qui sono stati rinvenuti anche materiali che probabilmente hanno una provenienza di origine vulcanica.

Nel centro storico è possibile passeggiare per i vicoli stretti, caratteristici del borgo antico. Da vedere è il Palazzo Baronale e la sua famosa torre che risale all’XI secolo

Rignano Bastione

 

Da gustare

in aggiornamento

Cosa fare

in aggiornamento