Tu sei qui

Il borgo di Predappio sorge sulle colline dell’Appennino forlivese, nella valle del fiume Rabbi, tra distese di vigneti e frutteti.

Il Borgo di Predappio

Predappio è circondato da un territorio multiforme, caratterizzato da ampie pianure, da rilievi collinari e da coltivazioni di vite, frutta, cereali e foraggio.

La zona di Predappio Alta, è popolata da castagni secolari, dal bosco di pino nero di Monte Mirabello, e da roveri e roverelle monumentali, tanto da essere censiti a livello regionale come “storici”. Numerosi sono i caprioli, le volpi e i cinghiali che popolano questo lembo di terra ricco di vegetazione ma anche di spungone (arenaria calcarea fossilifera) e puddinga (conglomerato), dato il suolo argilloso.

Nella zona di Predappio Alta sono presenti delle grotte che, dopo essere state luogo di estrazione dello zolfo, oggi sono conosciute per la presenza di stalattiti e roccia sedimentaria ricca di fossili.

Predappio Vigne

 

La Storia

Il territorio di Predappio venne frequentato da tempi antichissimi, si pensa sin dal Miocene.

Il nome del borgo deriverebbe dalla famiglia romana degli Appi che crearono un insediamento, Praesidium Domini Appi, nel luogo in cui sorge l’attuale Predappio.

Poco distante da Predappio sorgeva Dovia, una piccola località che diede i natali a Benito Mussolini. Fu proprio Mussolini che, negli anni venti, in seguito a una frana che colpì il borgo di Predappio, decise di costruire un nuovo centro abitato. Il nuovo agglomerato venne costruito a Dovia e nel territorio circostante e prese il nome di Predappio nuova, che si affiancò al vecchio borgo sulle colline che col tempo prese il nome di Predappio Alta.

Predappio Vicolo

 

Da gustare

La cucina tipica di Predappio è strettamente legata alla tradizione culinaria romagnola, e rappresentata soprattutto dal Sangiovese, vino rosso robusto e deciso prodotto in numerose aziende vitivinicole locali.

Il territorio è anche luogo di produzione di formaggi, sia freschi che stagionati, di buona qualità.

Predappio Panorama

 

Cosa fare

Il borgo di Predappio promuove, con ricorrenza annuale, sagre e feste che richiamano l’attenzione numerosi visitatori. Tra queste citiamo: la Sagra del Cinghiale, organizzata il terzo weekend di maggio; la Mototagliatella, raduno di motociclisti e buongustai che si tiene la seconda domenica di maggio; la Notte Bianca, festa dei commercianti che animano il paese con attrazioni e spettacoli ogni ultimo venerdì di giugno; “Predappio vive il Natale”, l’ultima domenica prima del Natale.

Alla fine del mese di settembre, la comunità di Predappio Alta organizza la “Festa della Mostatura”, seguita dalla tradizionale “Festa dei Vignaioli” la seconda domenica di novembre.

Dal 25 dicembre al 31 gennaio, sempre nella località di Predappio Alta, è possibile ammirare il Presepe nelle Grotte della Solfatara.

Per sapere di più su Predappio e le esperienze di viaggio, visita il sito della Comunità Ospitale di Predappio.