Tu sei qui

Monte Santa Maria Tiberina sorge su una collina del Nord dell’Umbria, dominando sulla vallata sottostante attraversata dal torrente Aggia.

Il Borgo di Monte Santa Maria Tiberina

Immersa tra boschi secolari e suggestive vallate, la Comunità Ospitale di Monte Santa Maria Tiberina è un caratteristico borgo medievale, caratterizzato da vie acciottolate arricchite da archi e volte e antiche case in pietra.

Il territorio circostante è ricco di una grande varietà floristica e faunistica, un paradiso per gli amanti della natura e del trekking.

La comunità del borgo ha da sempre basato la propria economia sull’agricoltura, la pastorizia e sull’utilizzo dei prodotti offerti spontaneamente dal territorio, come i tartufi locali.

La Storia

Originariamente villaggio etrusco Monte Santa Maria Tiberina divenne, nel corso dei secoli, luogo strategico per gli scambi commerciali tra l’Alta valle del Tevere e le vallate umbre.

L’evoluzione del borgo si lega prevalentemente al marchesato del Monte, una delle più importanti potenze feudatarie che mantenne la propria indipendenza fino al 1803 con annessi numerosi privilegi in ambito amministrativo, giudiziario e fiscale. Il Castello di Monte Santa Maria Tiberina e diverse fortezze del territorio vennero costruiti per volontà dei marchesi del Monte.

 

Da vedere

Le antiche mura medievali avvolgono il borgo di Monte Santa Maria Tiberina che si sviluppa attorno al Castello con strette strade e antiche case in pietra.

Il Castello risale al XVI secolo e può essere visitato solo accedendo dalla porta Santa Maria all’ingresso della quale è immediatamente visibile la pieve di Santa Maria al Monte. Costruita nell’anno mille, al suo interno è custodita un’antica fonte battesimale in pietra, la cappella gentilizia dei Marchesi del Monte e una statua lignea della Madonna risalente al XIV secolo.

Il centro abitato è arricchito da edifici storici ben conservati come Palazzo Boncompagni-Ludovisi, sede del primo feudatario dal 1250, oggi trasformato in un complesso di quattro palazzi. Il Palazzo dei marchesi è costituito da un’imponente torre medievale, ed era la sede di rappresentanza ufficiale in cui venivano promulgate le leggi e accolti i cittadini. Al suo interno è ancora possibile visitare i saloni affrescati, l’appartamento marchionale, gli uffici dipartimentali e le antiche prigioni.

Molto interessante è l’utilizzo originario della chiesa di Sant’ Agostino, antica sede dei duelli all’ultimo sangue.

Il territorio di Monte Santa Maria Tiberina racchiude un patrimonio naturalistico molto vasto compreso tra l’Alta Valle del Tevere e la Valdichiana.

Numerosi sono i sentieri segnalati da percorrere alla scoperta degli affascinanti boschi secolari di castagni, pinete e verdi pascoli con la possibilità di incontrare daini, , scoiattoli, poiane, caprioli e numerose altre specie faunistiche.

incontrano.

 

Da gustare

La cucina montesca richiama alla mente gli antichi sapori del luogo. Una tradizione agricola e pastorale che si riscopre nei piatti locali. Gli ingredienti principali sono verdure, carne di allevamenti locali e cacciagione. Una cucina semplice che sa esaltare il gusto delle materie prime.

Tra i prodotti da forno, pane sciapo (influenza delle vicine valli toscane) e la tipica bruschetta condita con aglio, olio extravergine di oliva e un pizzico di sale. Secondo l’antica ricetta ancora oggi viene preparata la tipica focaccia umbra, la torta al testo, variante del pane tradizionale, non lievitata e farcita con salumi e formaggi.

Piatti della tradizione di Monte Santa Maria Tiberina sono gli gnocchi di patate al sugo d’oca, i cappelletti in brodo, il piccione arrosto e la porchetta di maiale serviti con contorni di erbe campestri selvatiche, lessate o passate in padella con olio e aglio.

I dolci tradizionali sono spesso legati a festività. Ad esempio per Pasqua viene preparata la ciaramicola, con mollica rosata e crosta meringata bianca. Mentre il 2 Novembre vengono preparate le fave dei morti, a base di pasta di mandorla.

I boschi circostanti sono inoltre terreno fertile per la nascita di eccellenti prodotti locali, come: il Tartufo Nero di Monte Santa Maria Tiberina, i funghi porcini e le castagne.

 

Cosa fare

Nella Comunità Ospitale di Monte Santa Maria Tiberina, le proposte di visita ed esperienza sono numerose.

Ed inoltre le sagre e gli eventi organizzati soprattutto in estate a Monte Santa Maria Tiberina, sono le occasioni da non perdere per scoprire l’autentica cultura e tradizione locale, tra cibo , storia, folclore e tanta ospitalità.

Ad aprire il calendario estivo di eventi la sagra della Porchetta, organizzata ogni anno la prima domenica di Agosto, incentrata sulla degustazione del tipico porcello cotto al forno accompagnato da cotiche e fagioli.  A seguire, ogni terza domenica di Ottobre, la festa d’Autunno. Protagonisti sono i prodotti del sottobosco come castagne, funghi e tartufi, e pezzi di artigianato locale realizzati con abilità dai mastri del paese. In serata, balli danze e sfilate con gli antichi costumi medievali.

Tra le feste religiose, la Processione dell’Ascensione a Maggio e la Festa patronale di Santa Maria Assunta il 15 agosto. Entrambe inserite in clima di festa e convivialità, tra degustazioni di piatti tipici e spettacoli folcloristici.

 

LINK UTILI